In questo articolo si parla di:
Frozen Winter Cup,l

Prenderà il via il 31 ottobre la Frozen Winter Cup, la nuova competizione amatoriale a squadre del padel FIT TPRA, che ricalca una kermesse di enorme successo come la Coppa Italia, ma con qualche modifica pensata per i giocatori e che l’anno scorso ha registrato una partecipazione di oltre 1.000 squadre.

In virtù di questo successo, il direttivo del circuito amatoriale più famoso e apprezzato ha così deciso di raddoppiare, lavorando per la nascita della Frozen Winter Cup, una nuova Coppa Italia invernale che ricalcherà il format dell’evento classico pur con qualche modifica, offrendo a tutti nuove possibilità di giocare e divertirsi.

La prima differenza da precisare è che la competizione invernale non avrà una fase nazionale, quindi terminerà a livello regionale, assegnando i vari titoli regionali da nord a Sud, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia. In più, ai vari comitati regionali è permesso decidere se dopo la fase a gironi inserire un tabellone provinciale di qualifica al Master regionale, oppure passare direttamente all’ultimo step.

Un’altra novità riguarda il format degli incontri della competizione maschile, che si giocano sulla lunghezza di due soli match, e non più tre come avviene nella Coppa Italia tradizionale. Significa che sarà possibile chiudere una sfida in pareggio (ogni squadra ottiene un punto per ciascun incontro vinto: quindi due, uno oppure zero), e che al termine della fase a gironi – composti da un minimo di 3 a un massimo di 6 squadre, con formula di sola andata – in caso di parità di punti fra due formazioni saranno considerate la differenza fra set vinti e persi, quindi quella fra game vinti e persi. In caso di ulteriore parità, a decidere sarà la dea bendata, con un sorteggio che andrà a premiare i più fortunati.

Sarà così soltanto nella fase a gironi, mentre qualora la situazione di perfetta parità si dovesse verificare al termine di una sfida dei tabelloni a eliminazione diretta, le due squadre si affronterebbero in un doppio supplementare, che decreterebbe la formazione vincitrice.

La scelta di ridurre a soli quattro i giocatori che scendono in campo in ciascuna sfida serve a rendere la competizione maschile identica a quella femminile, nonché a dare la possibilità di partecipare (ed essere più competitive) anche a tutte quelle squadre che in passato si sono trovate in difficoltà a reperire più di quattro giocatori.

Il minimo per comporre una formazione è proprio di 4 e il massimo di 10: sta ai gruppi più numerosi decidere se continuare con una sola squadra oppure dividersi andando a formarne due, aumentando così il livello di competitività della kermesse. Da precisare che a nessun giocatore è permesso disputare più di un incontro di ciascuna sfida, quindi le due coppie che scendono in campo devono necessariamente essere differenti. Da qui l’obbligo di avere un minimo di quattro giocatori.

L’altra novità più importante della Frozen Winter Cup è la rivoluzione della seconda fase, che nella Coppa Italia si divide fra Oro e Argento, ma con due percorsi ben diversi. In questo caso, invece, tutte le squadre avranno comunque la possibilità di puntare al successo finale.

Le prime due classificate di ogni girone accederanno al cosiddetto “percorso Oro”, che servirà a eleggere i campioni regionali della categoria “Expert Level”, che andrà ad accogliere tutte le squadra più competitive. Tutte le squadre che invece chiuderanno oltre il secondo posto accederanno invece al “percorso Argento”, che permetterà loro di giocarsi il titolo “Entry Level”, insieme a formazioni di livello analogo.

Una mossa saggia che darà a qualsiasi squadra la possibilità di sognare il titolo regionale, garantendo a tutti gli amatori d’Italia un numero maggiore di incontri, quindi più possibilità di confronto e più divertimento. Come accennato, il via alla competizione sarà il 31 ottobre, ma le iscrizioni sono aperte e le squadre ad aver aderito sono già tantissime. C’è tempo fino a sabato 15 ottobre.