In questo articolo si parla di:
allianz cloud premier padel milano

Milano ospiterà un torneo di Premier Padel P1 dal 5 all’11 dicembre 2022. Il circuito della Federazione internazionale (FIP), sostenuto dalla Professional Padel Association (PPA) e Qatar Sports Investments (QSI), approderà nel capoluogo lombardo per la sua seconda tappa italiana della stagione, dopo quella disputata a Roma dal 21 al 29 maggio. Nel tweet con cui Premier Padel ha ufficializzato la notizia si parla di un accordo pluriennale per l’organizzazione del torneo, senza però specificare ulteriori dettagli.

La tappa milanese sarà quella conclusiva del 2022, in un anno che ha visto il padel diventare professionale e globale, toccando luoghi come il famoso Philippe Chatrier del Roland Garros e il Foro Italico.

La sede scelta è l’Allianz Cloud (ex Palalido), capace di ospitare circa 5.000 spettatori e già sede di altri eventi sportivi di pallavolo (Serie A1), basket (Serie A2) e, a dal 2019, delle NextGen ATP Finals di tennis. Le qualificazioni si svolgeranno il 3 e il 4 dicembre presso il City Padel Milano.

Luigi Carraro, presidente della International Padel Federation ha dichiarato: “La International Padel Federation lavora giorno e notte per aiutare questo sport a crescere in tutti i continenti, per i giocatori amatoriali e professionisti e per gli appassionati di tutto il mondo. Il Milano Premier Padel P1 seguirà le orme di tutti gli eventi Premier Padel, offrendo ai giocatori la migliore esperienza di gioco professionale e ispirando i fan di tutta Europa e di tutto il mondo. Non vediamo l’ora che questo torneo concluda l’anno più incredibile per il Premier Padel:- il tour globale che ha spinto il presente e il futuro del padel verso nuove incredibili vette e incredibili ambizioni per il futuro”.

Nasser Al-Khelaifi, presidente di Premier Padel ha dichiarato: “Premier Padel è lieta di concludere l’anno inaugurale più incredibile con il Milano Premier Padel P1. Quest’anno Premier Padel ha rivoluzionato lo sport professionistico del padel, elevando e cambiando ogni singolo aspetto del gioco professionistico – dalle sedi e dalle emittenti ai premi in denaro, alle strutture mediche e ponendo i giocatori al centro di ogni decisione. Nessuno avrebbe potuto immaginare tutto questo qualche mese fa, e questo è solo l’inizio”.