In questo articolo si parla di:
care smart locker

Care, start up fondata nel 2020, nasce con l’idea di portare la sharing economy anche nel mondo dello sport.

Attraverso l’installazione di un armadietto chiamato smart locker, Care offre l’opportunità agli sportivi di trovare ciò di cui hanno bisogno nel luogo in cui preferiscono allenarsi. Al momento, per il marchio creato da Paolo Capelli e Michel Remino i primi due mercati di riferimento sono il padel e il fitness/wellness.

L’investimento nel settore del padel per Care è giustificato non solo dal numero di praticanti e dallo status raggiunto da questo sport, ma anche da una ricerca condotta dalla stessa start up su 350 giocatori amatoriali del Nord Italia.

Secondo l’indagine, il 75% dei giocatori di padel, a prescindere dal livello di esperienza sul campo, sente l’esigenza di provare da due a quattro racchette prima di effettuare un acquisto e il 71% di loro prova più volte la stessa pala prima di prendere la decisione di comprarla.

Sette giocatori su 10 poi, vorrebbero poter trovare le racchette di prova direttamente al campo da gioco, senza doversi spostare per il ritiro e la riconsegna del noleggio.

Partendo da questa esigenza, Care ha pensato a degli smart locker situati all’interno dei club e dei circoli sportivi, in cui i giocatori possono trovare già l’occorrente per la partita o l’allenamento.

“Il mondo dello sport in questi ultimi anni è cambiato tantissimo”, afferma uno dei fondatori di Care, Michel Remino.

“Sono cambiate le abitudini degli sportivi tanto che abbiamo visto nascere e deflagrare nuovi sport di racchetta, primo tra tutti il padel. In tutto questo però esiste una costante: la difficoltà degli sportivi di trovare ciò di cui hanno bisogno nei luoghi dove oggi vanno a fare sport ed è qui che entra in gioco Care”.

“Il nostro primo mercato di riferimento è il padel e siamo pronti a portare l’innovazione in questo settore a beneficio dei giocatori”, continua Remino.

“Ma Care non è solo padel, e siamo pronti a portare l’innovazione della sharing economy anche in altre discipline come il fitness, il wellness, il pickleball o lo sci”.