In questo articolo si parla di:
Cristiano Ronaldo investe in una Città del Padel in Portogallo

Cristiano Ronaldo è pronto a investire nel padel. Il calciatore farà parte di un consorzio che svilupperà e costruirà un complesso dedicato a questo sport in Portogallo, per un investimento di cinque milioni di euro che dovrebbe essere completato all’inizio del 2025.

La “Ciudad del Pádel” (città del padel), che sarà costruita a Oeiras, nella periferia di Lisbona, sarà un “punto di riferimento e un biglietto da visita” per questa disciplina in Portogallo e “contribuirà a rendere ancora più forte il percorso della formazione e delle selezioni“, ha spiegato a EFE il presidente della Federazione Portoghese di Padel (FPP), Ricardo Oliveira.

La Federazione ha annunciato questa settimana che l’impresa sarà costruita da una società costituita da Lusofinança Lda, il cui azionista di maggioranza è l’imprenditore Filipe de Botton, ex rappresentante del Banco Sabadell, e CR7, S.A, società guidata da Cristiano Ronaldo.

Il coinvolgimento di Cristiano e del marchio CR7 “aggiunge un valore straordinario al padel nazionale“, ha sottolineato il presidente della FPP, che spera di “poter capitalizzare con un crescente investimento dei marchi nel loro sviluppo“.

Inoltre, ha sottolineato che Cristiano “è un esempio per tutti” e può essere anche un modello da seguire per gli sportivi del padel, perché, ha considerato, “non c’è un professionista più coinvolto e impegnato nello sport mondiale“.

E tutti conosciamo la portata stratosferica della sua popolarità e l’interesse che generano tutte le sue azioni e sforzi“, ha aggiunto. Anche senza l’influenza della stella portoghese, il padel in Portogallo “attraversa un momento fantastico“, secondo Oliveira.

Degli 11 club e decine di atleti che esistevano undici anni fa, sono passati a più di 300 squadre, circa 11.000 atleti federati e oltre 250.000 praticanti, secondo i dati forniti dalla Federazione. Di fronte a questa crescita, il complesso “può contribuire in modo decisivo allo sviluppo dello sport“, poiché “centralizzerà una serie di processi fondamentali“, ha affermato.