In questo articolo si parla di:
Bozza automatica 1206

A Cesenatico il Diamanti Beach Village è la soluzione ideale per chi non vuole rinunciare a giocare nemmeno sotto l’ombrellone

di Andrea Farano

Un vecchio proverbio afferma che se stai viaggiando sulla via Emilia e ti fermi in una casa per chiedere da bere, se ti danno dell’acqua sei in Emilia, mentre se ti offrono un bicchiere di vino… sei in Romagna! Com’è noto, nella saggezza popolare si celano verità assodate ed è davvero difficile confutare l’assioma per cui la riviera romagnola è universamente conosciuta da sempre come il regno dell’accoglienza, e una delle regine turistiche della penisola.

Il borgo marinaro di Cesenatico e le sue attrazioni

Cesenatico si trova esattamente a metà dei 100 kilometri rivieraschi, subito dopo il confine della provincia ravennate: posizione davvero felice, collocandosi a poca distanza da Milano Marittima e Cervia, con le sue spettacolari saline, e ideale imbocco per accedere al divertimentificio che vede nell’accoppiata Rimini&Riccione i suoi massimi alfieri. Ma Cesenatico non vive certo di luce riflessa, tutt’altro: l’antico borgo di marinai e pescatori, che ancora oggi ne conserva i colori e lo spirito autentico, è una piccola città d’arte che ha saputo affermarsi nell’opinione comune come luogo del buon vivere.

Accanto al notissimo Porto Canale – opera di ingegneria marina disegnata nel 1502 dal genio di Leonardo da Vinci – che tuttora è simbolo e vanto della cittadina, doveroso e persino banale ricordare la spiaggia di sabbia digradante verso il mare e i moderni stabilimenti attrezzati, senza dimenticare i Giardini al Mare, una lunga fascia verde dove prendere il sole passeggiando in tranquillità. L’entroterra non è certo meno attrattivo: colline, borghi medioevali e grandi parchi favoriscono le attività all’aria aperta, tanto che Cesenatico è anche nota come la capitale del cicloturismo italiano, offrendo ai cultori della pedalata servizi specializzati e ospitando manifestazioni di livello internazionale.

diamanti beach village

il Diamanti Beach Village: padel in riva al mare… e non solo

Se ci si potesse affidare al volo e agli occhi di uno dei tanti gabbiani che solcano l’orizzonte adriatico, il complesso apparirebbe all’improvviso a scuotere l’ordinata geometria dell’arenile, ergendosi inaspettato tra le infinite file di imperturbabili ombrelloni. Fuor di metafora, il Diamanti Beach Village, con gli innumerevoli servizi a disposizione di ospiti e avventori, è certamente una delle strutture più complete e originali che si possano incontrare sulle spiagge italiane, tanto da contraddistinguersi per essere l’unico acquapark dotato di una piscina semi olimpionica con trampolino, gonfiabili, acquascivoli… e, ovviamente, tre campi da padel praticamente sulla battigia.

Il giocatore che non rinuncia a “pala y bola” nemmeno in vacanza troverà il suo lido ideale (nel box qui sotto potrete saperne di più), ma non mancano soluzioni che renderanno il soggiorno indimenticabile per tutta la famiglia. Al Diamanti Beach – aperto da giugno a settembre, con orario continuato dalla mattina alla sera – è presente un campo da basket, ma anche un’area attrezzata adatta a functional training, calisthenics, street workout o crossfit. A questo si aggiunge un panel di attività per giovani e adulti, come corsi di nuoto, acquagym, idrobike, idrowalk, pallanuoto, tornei e giochi sportivi.

Per i più piccoli è allestita una piscina apposita in cui potranno tuffarsi in totale sicurezza, ma non solo: la struttura ha un “punto miniclub” in cui gli animatori organizzano tutti i giorni giochi, laboratori e tantissime attività per gli ospiti del parco acquatico. Posto accanto a sdraio e ombrelloni, il bar della struttura soddisferà ogni esigenza, che sia un break rinfrescante o un pranzo leggero… e ovviamente non mancherà mai la mitica piadina romagnola. Considerato che il Village è anche convenzionato con alberghi e strutture ricettive, non resta che preparare le valigie!

Bozza automatica 1205

L’intervista
Luca Romani, coach e padel manager

I campi del Diamanti vivono il loro momento di massimo splendore durante il periodo estivo: quali sono le iniziative pensate per coinvolgere turisti e bagnanti?
Le più disparate: si va dalle lezioni da 30/60/90 minuti per garantire la massima flessibilità e soddisfare ogni esigenza, alle clinic tecniche, ma anche ai tornei per i clienti dell’acquapark, con tariffe agevolate per giocatori e accompagnatori. Organizziamo poi competizioni amatoriali ospitando tappe del circuito Open TPA, o la Padel Challenge. In campo si può migliorare il proprio livello, ma anche fare nuove amicizie.

Non sono molti i campi collocati sulle spiagge: cosa significa poter giocare a ridosso del mare?
I benefici sono innumerevoli: giocare sotto il sole, respirando lo iodio, magari accarezzati dalla brezza marina, per poi buttarsi in acqua… è un’esperienza senza eguali. Senza scordare che è scientificamente assodato che la vicinanza al mare aumenta l’euforia e il buon umore: ma questo accade anche con il padel!

Sei un operatore del padel a tutto tondo: coach, gestore, consulente. Raccontaci meglio le tue attività.
Sono un libero professionista: istruttore padel (per adulti e bambini, anche del centro estivo), allenatore di una squadra (i Castrocaro Eagles), docente formatore e preparatore atletico, operando in molteplici strutture nel territorio romagnolo. Collaboro con TPA (Tornei Padel Amatoriali) e aiuto aziende e realtà associative nell’ideazione e realizzazione di progetti finalizzati alla diffusione di questo sport o di brands e prodotti correlati (dall’attrezzatura, alle app di gestione). Coadiuvo i gestori nell’organizzazione e sviluppo delle potenzialità di un padel club e, infine, sono ambassador per Luxury Padel Retreat, che organizza soggiorni personalizzati in resort 5 stelle, con coach a disposizione del cliente e altri servizi speciali in chiave luxury.