In questo articolo si parla di:
Bozza automatica 1063

I Demo Days di Babolat, nati per promuovere il brand su tutto il territorio nazionale e per raggiungere un numero sempre maggiore di appassionati, quest’anno si sono fregiati di una collaborazione tanto significativa quanto prestigiosa: quella con la Rafa Nadal Academy. Sei tappe, da nord a sud dell’Italia, in sei padel club strategici per promuovere il lancio delle nuove linee Viper e Veron.

Queste giornate sono state scandite da clinic esclusive tenute proprio dai tecnici della Rafa Nadal Academy by Movistar ed è stata data l’opportunità agli utenti di testare le racchette della nuova gamma con le calzature. Un 2024 iniziato col botto, e proseguito con la presenza del brand all’inaugurazione della Spector Padel House di Lodi. Il legame tra il network numero uno in Italia, fondato da Gustavo Spector e Babolat, oggi conta cinque centri attivi e prosegue da anni, puntando sull’eccellenza e sui valori legati a questo sport.

Bozza automatica 1062

Sia la collaborazione con l’Academy, sia la recente inaugurazione di SPH, sono state rese possibili anche grazie alla presenza “in campo” di Niccolò Dagnoni, entrato recentemente nella famiglia Babolat come padel promoter. Nel suo ruolo Niccolò supporta anche i maestri illustrando in prima persona le tecnologie dei prodotti e costruendo al contempo una community sempre più estesa di professionisti e appassionati. Lo abbiamo intervistato.

L’intervista
Niccolò Dagnoni, padel promoter

Bozza automatica 1060

Come sei arrivato in Babolat e che attività ricopri nello specifico nel tuo ruolo di promoter?
Sono arrivato in azienda il primo settembre 2023. Ho sempre avuto la passione per il padel e l’idea di lavorare in questo segmento, in un’azienda storica e leader come Babolat, è un sogno divenuto realtà. L’attività di promoter mi permette inoltre di applicare ai vari progetti i miei studi di marketing. Il mio ruolo è principalmente quello di promuovere il marchio su tutto il territorio attraverso iniziative mirate. Una di queste sono i Demo Days, giornate dimostrative in cui diamo alla nostra audience la possibilità di provare le nuove gamme di prodotti, sia racchette che calzature. La capillarità e la presenza sul territorio avvengono grazie ai nostri agenti che sviluppano sinergie ad hoc con i negozi, i club e i maestri. Recentemente abbiamo arricchito questo progetto collaborando con la Rafal Nadal Academy, un nome prestigioso che, abbinato a quello di Babolat, non poteva che avere un riscontro più che positivo.

Quest’anno la vostra nuova sede è al Quanta Club, come sono strutturate all’interno le vostre attività?
Ci siamo spostati al Quanta Club a gennaio. Siamo strutturati con un ampio ufficio e uno showroom. Qui possiamo sfruttare al massimo quelli che sono gli asset del circolo. Non parlo solo dei campi e dei servizi che vi ruotano attorno, ma anche dell’elevata reputazione del club, che alimenta ulteriormente la nostra immagine, soprattutto quando invitiamo atleti e ambassador a provare i nostri prodotti. Qui riusciamo a sfruttare al massimo le nostre potenzialità.

Bozza automatica 1059

Quali iniziative o eventi avete pianificato per la stagione e per il futuro?
Per quel che riguarda la mia posizione di promoter, l’obiettivo è quello di ampliare il nostro network proprio attraverso i Demo Days. partendo da realtà come Spector Padel House, la rete di club numero uno in Italia e fino ad arrivare ai circoli più piccoli. Una delle ultime giornate dimostrative infatti si è svolta proprio in occasione dell’inaugurazione del nuovo centro. Per noi questa partnership è strategica e fondamentale, oltre al fatto che, collaborando da molti anni insieme, siamo come una famiglia. Le iniziative con loro sono sempre molto partecipate perché, oltre alla prova prodotto, ai giocatori possiamo spiegare le tecnologie e far capire chi sono i destinatari dei prodotti. In questo è fondamentale la figura del maestro, che indirizza il cliente alla scelta del prodotto più adeguato.

Come avviene quindi la promozione dei prodotti sul fronte atleti, coach e ambassador?
Ci saranno delle new entry nei vostri team? Gli atleti e gli ambassador sono di grande supporto perché condividono i nostri valori. Mentre la figura fondamentale per la vendita è il maestro. Da due anni abbiamo introdotto un progetto a livello europeo chiamato “Courtside”, grazie al quale gli ordini delle dotazioni vengono inserite autonomamente dai coach tramite piattaforma digitale. In questo modo sono più liberi nella gestione della loro dotazione ed entrano a tutti gli effetti nella Babolat Family, una rete a livello europeo che animiamo anche con varie forme di comunicazione. Un modo più diretto e personale di fidelizzare il nostro network. Tornando agli atleti e agli ambassador, ti posso dire che sono due i target su cui vogliamo puntare prossimamente per ampliare il nostro team: il settore giovanile e le donne.

di Cristina Turini